Gevrey Chambertin 1er cru Petite Chapelle 2015

  • Jean Louis Trapet
  • 2015
  • Premier cru
  • Vinificazione : White White
  • Vitigno : Pinot grigio Pinot grigio
89bbd7e2f3cbcc404fc084e71e0deeb7.png 971bbf500109f560aaed9971dc5cb7db.png

Questo climat, anticamente denominato Chapelle Basse (oggi anche Les Champitonnois), per le proprie skills qualitative, è valutato tra i primi "1er cru" della denominazione; nella sua interezza si estende per quasi 4 ha e possiede sia un'anima spiccatamente delicata e fine, sia accezioni più dinamiche, muscolari, tese ed austere, che lo assimiliano metaforicamente ad un climat femmineo, ma con un piglio deciso e dalla netta personalità, che necessita, indipendentemente dal millesimo, di qualche anno per risolvere la propria disputa interna, che, nelle interpretazioni più illuminate, risolve sempre a favore di uno stupendo amalgama delle due anime evidenziate; è, senza dubbio, il caso dell'eccelso lavoro condotta da Jean-Louis, che è solito affermare che lo stile di questo climat ricalca da vicino quello del grand cru Chapelle Chambertin; egli produce questo vino a partire da un parco vitato di 40 are, allevate alla consueta, diligentissima, maniera biodinamica e biologica, con sesti di impianto intorno ai 35 mila ceppi per ettaro e nessun interventismo en cave, con filtrazioni per gravità ed addizione, quasi azzerata, di solforosa pre-imbottigliamento. Versione '15 che abbiamo preferito alla '16, per la splendida interpretazione del climat che questo peculiare millesimo ha contribuito a determinare. Manto rosso rubino intenso, brillante, lucente e fitto; naso eccezionale, sbalorditivo per raffinatezza, che propone sbuffi iniziali di smaglianti, infinite, fragoline di bosco, piccoli lamponi e ribess rossi che, in seconda battuta, vengono sommersi da dirompenti effluvi di ciliegia scura carnosa, nonchè da carezzevoli nuances di spezie orientali scure; bocca dall'incedere sontuoso, che mixa noblesse ed austerità, estratto vivido, femmineo, che deborda in un frutto lucente, addirittura abbagliante; stuolo tannico che pare rifinito a mano, tanto è delicato e puntiforme; finale degno di un piccolo capolavoro, che non abbandona facilmente l'arcata palatale, dispiegandosi in una lunga persistenza aromatica intensa. Qui si parte serenamente dai 94 punti base. Apogeo di consumazione: 2022-2027.

 

Altri vini del domaineJean Louis Trapet

Gevrey Chambertin 1er cru Clos Prieur 2015

139,00 €

Iva inclusa

Gevrey Chambertin Cuvee Ostrea 2015

99,00 €

Iva inclusa