Ultimi post

ANNATA 2017 IN BORGOGNA: ANALISI E LINEE GUIDA

ANNATA 2017 IN BORGOGNA. ANALISI E LINEE GUIDA
Approfondisci

BORGOGNA 2019. ANALISI DELL'ANNATA VITICOLA. LE GELATE DI APRILE

Il millesimo 2019 in Borgogna. La narrazione della dinamica dell'annata viticola.
Approfondisci

BORGOGNA 2019. IMPORTAZIONE PRE-PRIMAVERILE

Inauguriamo l'anno domini 2019 in Borgogna con una prima importazione dai toni volutamente soft, pre-primaverili
Approfondisci

Domaine Hudelot Baillet. I vini del domaine Hudelot Baillet. L’azienda vanta quattro generazioni di vigneron a Chambolle Musigny ed è nata nel 1981. Attualmente, dispone di 8,5 ettari di vigneti distribuiti su tre comuni della Cote de Nuits, di cui 7,5ha destinati ai vini rossi e 1ha agli chardonnay. Proprio nel 1981, Joel Hudelot (che ereditò il parco vitato dal padre Paul), associatosi con la moglie, Chantal Baillet, ha iniziato l’attività del domaine; dal gennaio 2004, elevandone la qualità complessiva, il figlio, Dominique Le Guen (che l’autorevole Christophe Roumier ha battezzato come un vigneron il cui lavoro è da considerare di alto profilo), anche collaboratore di Fredric Magnien, dirige il domaine all’insegna di una ragionato e dosato interventismo in vigna: i trattamenti vengono effettuati solo se imprescindibili, comunque in quantità risibili, per evitare gli insetticidi, mediante l’utilizzo di capsule innocue all’essere umano, viene praticato il metodo della “confusione sessuale”, arature metodiche per evitare uso di diserbanti e favorire la ricchezza microbica nei terreni, vendemmia verde accorta per realizzare una cernita selettiva delle migliori uve e raccolta manuale. La vinificazione: le uve vengono completamente diraspate e subiscono una pre-macerazione a freddo prima della fermentazione. Dominique fa utilizzo della tecnica di estrazione del pigeage inizialmente e poi una combinazione di pompa e delestage, allo scopo di ottenere un’estrazione delicata. I “village” vengono affinati in rovere nuovo per un 1/3, mentre i cru premier ed i grand cru vengono affinati in barrique di rovere nuove al 50% ed il restante 50% di primo passaggio. Il tratto caratteristico è la polposa e carnosa ricerca della centralità del frutto, nell’espressione di Chambolle, lungo tutta la gamma dei vini prodotti; circostanza che non è agevole riscontrare in molti domaine. L’invecchiamento dei vini avviene nelle botti piccole di rovere, protraendosi dai 12 ai 18 mesi a seconda della tipologia di vino ed all’annata. Allo scopo di restituire un prodotto di grande purezza, i vini prodotti, dalla vendemmia 2002, non vengono filtrati.

Certificazioni

  • Biologico

Filtra la ricerca dei vini del domaine per:

Denominazioni
Millesimi
Vitigno