Ultimi post

BORGOGNA 2019. IMPORTAZIONE PRE-PRIMAVERILE

Inauguriamo l'anno domini 2019 in Borgogna con una prima importazione dai toni volutamente soft, pre-primaverili
Approfondisci

BORGOGNA 2018. IL RACCONTO DINAMICO DELL'ANNATA

Cote d’Or 2018. Lo staff redazionale ripropone, come da nostra (ormai) consolidata abitudine, una rubrica che resterà in vigore per tutto l’anno...
Approfondisci

Domaine Taupenot Merme. Situato nel cuore di Morey St Denis, il domaine è stato fondato nel 1963 dal matrimonio tra Jean Taupenot e Denise Merme; ora è gestito dal fratello Romain e dalla sorella Virginie; per molto tempo esisterrero due proprietà che operavano all'unisono: l'una a Morey St Denis e l'altra a St Romain, unificatesi nel 1998; la storia viticola delle due parti familiari risale, invece, al XVIII secolo: dal lato familiare materno, grazie a Claude Morizot (nascita nel 1760) e, dal lato paterno, grazie a Blaise Taupenot (nascita nel 1749). Una parte consistente dei vigneti attualmente posseduti dal domaine è stato messo a dimora da Armand Merme (a Morey St Denis) e Renè Taupenot (a Saint Romain), rispettivamente i genitori di Denise e Jean. Il parco vitato è composto da 13 ha di vigne, dislocate tra Cote de Nuits e Cote de Beaune, tra venti denominazioni, con un ottimo equilibrio tra i possedimenti di grand crus, 1er crus e village, mediamente di età media superiore ai 35 anni e di oltre i 60 per quanto riguarda alcuni grand crus. Jean e Denise hanno esteso i terreni vitati ed accentuato il prestigio e lo charme di questo domaine: nel 1999 di una parcella di “Nuits Saint Georges 1er Cru les Pruliers”, nel 2003 Jean ha recuperate una parte delle sue vigne a Saint Romain e Auxey-Duresses (3.5 ha) e, nel 2005, la gamma è stata completata con l’acquisto di una parcella di 0.5 ha del grand cru “Corton Rognet”. L’azienda produce in 19 denominazioni, sia pinot noir che chardonnay: dei 13 ha totali posseduti, sono prodotti 4 grand crus, 6 premiers cru, 7 village e 3 denominazioni regionali. Finezza, tipicità ed aderenza al territorio sono il credo di questo domaine. Dal 2001 tutti i vigneti sono stati certificati bio. Chicca assoluta, la micro-parcella di “Clos de Lambrays”, vera spina nel fianco dell’omonimo domaine, che ambisce, da generazioni, a costituirne un monopole. Metodo di vinificazione: le fermentazione si attivano naturalmente, mediante lo scrupoloso utilizzo solo di lieviti autoctoni prima che le uve entranino nella pressa pneumatica; l'elevage è compreso tra i 12 e 14 mesi sulle fecce, con i Grand Cru vini che al 40% di rovere nuovo, 30% per 1er Crus e circa il 20% per i village; i vini vengono, infine, trasferiti in serbatoi in acciaio inossidabile per 3 mesi prima dell'imbottigliamento, senza filtrazioni.

Certificazioni

  • Biologico

Filtra la ricerca dei vini del domaine per:

Denominazioni
Millesimi
Vitigno