Ultimi post

BORGOGNA 2019: LE NOVITA' AUTUNNALI ON LINE

BORGOGNA 2019: LE NOVITA' AUTUNNALI ON LINE
Approfondisci

BORGOGNA 2019. I NUOVI ARRIVI ESTIVI. CHARDONNAY PRIDE

Le novità del millesimo 2017 in Cote d'Or
Approfondisci

BORGOGNA 2017: ANALISI E LINEE GUIDA DEL MILLESIMO

BORGOGNA 2017: ANALISI E LINEE GUIDA DEL MILLESIMO
Approfondisci

BORGOGNA 2019: NARRAZIONE DINAMICA DELL'ANNATA

Il millesimo 2019 in Borgogna. La narrazione della dinamica dell'annata viticola.
Approfondisci

Domaine Jean-Yves Bizot. E' stato fondato dal nonno di Jean-Yves, medico, che comprò un piccolo vigneto di 2.5 ettari a Vosne-Romanée; suo figlio seguì la sua carriera, e nel 1994, quando il geologo Jean-Yves decise di occuparsi della viticoltura a tempo pieno, il domaine familiare riprese vigore produttivo. Nel 2007, egli aggiunse un ettaro al suo parco vitato (lotti ubicati tra Marsannay e Chenove); pertanto, attualmente, il suo parco vitato ammonta a 3.5 ha. Le metodologie di lavoro meticoloso nei vigneti: sin dall’inizio fu pervaso da una credo naturale assolutista, che non prevede alcun prodotto di sintesi in vigna (il regime bio è perseguito, senza però aver conseguito alcuna certificazione formale), inerbimento dei vigneti (i manti erbosi vengono falciati e tenuti puliti meccanicamente), l'utilizzo dei fertilizzanti è adattato alle esigenze delle singole parcelle allo scopo di limitare il vigore delle viti, sono previste potature corte e persegumento ossessivo della maturità ottimale delle uve; tutto questo lavoro in vigna è perseguito unicamente per ottenere dichiaratamente le migliori uve possibili. Tutto ciò comporta delle rese molto basse: mediamente 22 hl/ha per i pinot noir (dal Bourgogne Chapitre all'Echezeaux) e 35 hl/ha per gli chardonnay. Il parco vitato: il domaine possiede 1.7ha nella denominazione Vosne-Romaneée, della quale vegono elaborate 3 cuvee: 3 sono commercializzate a nome del domaine, il "Vosne-Romaneée" village è originato da viti che risalgono circa agli anni 1930; l' "Echezeaux" è originato da due lieux dits: les Treuxles Orveaux; il più delle volte, a causa dei rendimenti, viene vinificata l'uva della sola località les Orveaux; in questi casi le uve della parcella les Treux vengono vinificate come Vosne-Romanée 1er cru, cuvée Elise Fermouche; considerati i rendimenti delle annate 2003, 2010, 2012 e 2013 le uve dell'Echezeaux Treux sono state assemblate con Orveaux.  Una menzione speciale va fatta al Bourgogne blanc: le uve da cui proviene sono ricavate da un lieu-dit chiamato les Violettes, che si trova sempre all'interno della denominazione Vosne-Romanée, lungo il perimetro murario del Clos de Vougeot.  La vinificazione: la raccolta delle uve è fatta a mano su cassette di legno, e dal 1995 il domaine dichiara un utilizzo sempre più infinitesimale di solfiti durante la vinificazione; nel 1998 è stato realizzato l' Echezeaux ed il Les Réas interamente senza alcun utilizzo di solfiti e, considerato il miglioramente qualitativo del vino ricavatone, il millesimo 1989 è stato interamente vinificato senza solfiti; il processo di fermentazione (avviata con lieviti autoctoni) dura mediamente tra i 14 ed i 18 giorni; la vinificazione è condotta interamente sous atmosphère carbonique au départ; dopo 4-7 giorni dalla pigiatura, la fermentazione si avvia in modo spontaneo, con operazioni di pigeage toute les 12 à 18 heures. La maturazione e l'imbottigliamento: il vino non viene mai pompato, sosta in legno piccolo interamente nuovo (provenienti dalle tonnellerie Rousseau) per 12-18 mesi, a seconda delle peculiarità del millesimo e non è oggetto di alcuna chiarifica o filtrazione; i vini vengono imbottigliati, à la main fût par fût., à la chèvre à deux becs, con un minimo di solfitaggio, e l'imbottigliamento avviene per assemblage par gravité, mediante un lavoro di altissima artigianalità e dispendio di tempo; ad eccezione del village Vosne-Romanée, che è vinificato mediante l'assemblaggio di più parcelle, i grappoli di ciascun lieu dit sono vinificati separatamente, allo scopo di rispettare le diversità dei singoli terroirs. La risultante sono degli autentici Stradivari enologici, pregni di una classe luminescente, in grado di evocare piaceri propri di una dimensione che, a volte, pare sconosciuta ed impalpabile a chi li approccia per la prima volta. La dimensione e l'aggettivazione che si addice al suo lavoro è semplicemente legata alla sua "purezza espressiva", senza scorciatoie, che disarma ed avvince. Le sue bottiglie risultano estremamente poco reperibili e, per questo, altamente preziose

Certificazioni

  • Biologico

Filtra la ricerca dei vini del domaine per:

Denominazioni
Millesimi
Vitigno