Romanee St Vivant grand cru 2019

  • New
  • De L'Arlot
  • 2019
  • Grand cru
  • Vinificazione : Vendages entières Vendages entières
  • Vitigno : Pinot noir Pinot noir
  • 2021-11-29
495,00 €

Iva inclusa

TERMINATO: il millesimo 2020 sarà disponibile da novembre 2022

89bbd7e2f3cbcc404fc084e71e0deeb7.png 971bbf500109f560aaed9971dc5cb7db.png

9.4 ettari di parcella (di cui 0.25 in proprietà del domaine) tra quelle ammantate dalla maggior componente di mito, all'interno del sacrale perimetro della denominazione di Vosne-Romanee. E' il più ampio dei grand crus di questa aoc ed anche quello che si eleva meno, trovandosi a circa 250 metri d'altitudine, magnificamente esposto ad est, ed attualmente suddiviso tra dieci proprietari. L'etimologia è medievale e risale alla proprietà del vigneto ad opera del priore di St-Vivant de Vergy. Il terroir vanta suoli in cui la componente ferrosa delle marne a prevalenza argillosa è ben presente, cosparse di qualche elemento pietroso; sotto il manto argilloso pulsa una maestosa piattaforma calcarea di origine giurassica, ora rosa, ora bianco, a seconda della zona. L'animus del climat è il celebre equilibrio delle sue componenti rispetto ai monumenti che gli sono adiacenti, i quali, di regola, spiccano tutti per caratteristiche altisonanti; bilanciamento significa che può apparire, soprattutto in gioventù, meno fiammeggiante dei suoi dirimpettai, ma questa sua caratteristica è la sua forza, perché lo rende capace di elargire piacere a 360 gradi. Sapidità lussureggiante ed eleganza estrema del bouquet, che abbonda della componente floreale, frutto lascivo ma nella giusta misura; insomma, un vino che si rende intellettuale e femmineo, con i favori del tempo. La vinificazione è tradizionale: dopo una vendemmia manuale, segue la svinatura, rimontaggi e follature ragionati, mentre l'elevage si protrae per 18 mesi in botti di rovere nuove dal 30 ad un 50 per cento. Versione '19 porpora fitta e lucente; naso che schioda un monolite iniziale, con adeguata areazione, sparpagliando nel calice acuti sontuosi di aromi di prugna, more nere mature e ciliegie polpose, petali di rose rosse macerati, tutti adagiati su un panorama di effluvi fungini da tardo ottobre, spolverati da nuances di polvere di cacao; bocca di corposa matericità, che si distende vellutata, in un incedere progressivo ed autorevole, dall'abbraccio sensoriale tannico vigoroso, saporoso; c'è grande stratificazione e luce sul terroir in questa versione, sancita da un finale educato, composto, che non si fa pregare, riproponendosi in una persistenza retrolfattiva impattante, che non si dimentica. Sbalorditivo per articolazioni e dettagli. 96 punti base di vivida bellezza. Apogeo di consumazione [2026-2038]

Altri vini del domaineDe L'Arlot