Ultimi post

ANNATA 2017 IN BORGOGNA: ANALISI E LINEE GUIDA

ANNATA 2017 IN BORGOGNA. ANALISI E LINEE GUIDA
Approfondisci

BORGOGNA 2019. ANALISI DELL'ANNATA VITICOLA. LE GELATE DI APRILE

Il millesimo 2019 in Borgogna. La narrazione della dinamica dell'annata viticola.
Approfondisci

BORGOGNA 2019. IMPORTAZIONE PRE-PRIMAVERILE

Inauguriamo l'anno domini 2019 in Borgogna con una prima importazione dai toni volutamente soft, pre-primaverili
Approfondisci

Domaine Amiot Servelle. Amiot Servelle e i suoi vini. La sede dell'azienda si trova in una delle numerose e sottilissime viuzze, che si incrociano in un dedalo di scorci, che compongono il minuscolo borgo di Chambolle Musigny. Il domaine ha origini nel 1920, quando il nonno di Christian Amiot, Clément Tachot, lo fondò; Christian iniziò a lavorare al domaine nel 1980, quando ancora si chiamava Domaine Servelle-Tachot, ed affiancò il padre Jean Servelle; quando questi scomparve, nel 1989, Christian assunse le redini dell'azienda che, oggi, vanta 6.3 ettari di proprietà; dal 2011, la figlia enologa degli attuali proprietari, Prune, contribuisce alla crescita qualitativa dell'azienda, dopo aver lavorato due anni nella Côte-Rotie, e dopo essere stata incaricata, nel triennio 2008-2010, di dirigere, in solitaria, la vinificazione di tutti i prodotti della Maison Jaffelin di Beaune. Sin dalle origini, questo domaine ha sempre operato, in vigna, attraverso le pratiche del bio, tanto che, ad oggi, è l'unico della denominazione ad aver ottenuto la relativa certificazione: in particolare, i primi step per ottenerla sono stati mossi nel 2005 e, nel 2008, essa è stata conseguita formalmente dai Servelle. Christian ed Elisabeth Amiot, due persone squisite e molto semplici, dirigono la propria piccola azienda con molta accuratezza e sobrietà; lo stesso stile che si rinviene nei loro vini, assolutamente discreti ed estremamente fedeli nella riproduzione delle peculiarità dei climats di propria pertinenza; possiedono climats, classificati 1er cru, tra i più suggestivi dell'area comunale: Les Feusselottes che, per etimologia, identifica una buca, un avvallamento depressionario che lo pone più in basso rispetto ai vigneti circostanti, ed è caratterizzato da terreni profondi; per dna non porta in dote una struttura elevata, è declinato sul frutto ed è piuttosto precoce nell'aprirsi, caratteristica che lo rende, quindi, molto apprezzabile anche in gioventù; si trova nella parte sud del comune, Les Charmes è il più meridionale degli chambolle come stile: quindi più dotato di profilo minerale e con maggior struttura rispetto al Les Feusselottes, Les Plantes, Derrière la Grange è il secondo più piccolo premier cru del comune, situato sulla sinistra appena si entra nel paese, dal lato di Morey-Saint-Denis; solamente Les Groseilles gli è più piccolo; degli 0.72 ettari totali del climat, il domaine ne possiede 0.36; lo stile del climat è molto simile al profilo di quello di "Bonnes Mares"; il terreno qui è molto sassoso, mixato a marne a prevalenza argillosa; è dotato di maggior struttura rispetto a tutti gli altri premier cru del comune e possiede meno nuances minerali rispetto a "Les Charmes" e "Les Amoureuses" e Les Amoureuses di cui il domaine vanta 0.45 ha, circa l'8% del totale del climat e nella cui parte più datata della propria parcella di pertinenza le viti arrivano a 45 anni di età media, circostanza molto singolare, considerato che qui i terreni sono poco profondi e ciò rende più fragili le viti e meno adatte ad invecchiare molto; questi gioielli affiancano anche la produzione di "bourgogne base", vinificato sia in bianco che in rosso, ricavato dai lieux-dits di "Au Pelson", "Plan de Gilbert", "Es Rues" and "Les Graviers", nonchè vini "village" dei comuni di Morey-Saint-Denis (dal 2010, dai lieux-dits di "Clos Solon" e una piccola parcella in "Les Brâs", che si trova in prossimità della route nationale, posizione che dà luogo a vini di peculiare delicatezza), nonchè dal comune di Chambolle-Musigny, dal lieu dit di "Les Bas Doix", che si trova appena sotto il premier cru "Les Amoureuses" e il lieu dit "Les Hauts Doix", e che dà luogo a un vino particolarmente morbido e di spiccata minerali; infine, dal 2012, è disponibile anche una cuveè dedicata a Prune Amiot (poco più di una barrique). Lo stile di vinificazione prevede macerazioni in tini aperti per una quindicina di giorni, spesso con l’aggiunta dei raspi; la percentuale di legno nuovo varia a seconda del climat: il 15% per le appellazioni regionali, il 20% per i village, il 30% per i 1er cru fino raggiungere il 50% per Derrière la Grange e Les Amoureuses.

Certificazioni

  • Biologico

Filtra la ricerca dei vini del domaine per:

Denominazioni
Millesimi
Vitigno